Cosa Vedere a Stone Town in un tour a piedi – Zanzibar

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

 

Stone Town è la città vecchia di Zanzibar, l’isola delle Spezie nell’Oceano Indiano, il suo fascino è indiscusso e il modo migliore di visitarla e viverla è a piedi.

Patrimonio mondiale dell’UNESCO Stone Town ha un fascino decadente ricco di storia e cultura. Un tempo fiorente punto commerciale, continua a essere un crocevia di culture tradizionali africane, arabe, indiane e europee.

Mentre si cammina per i suoi vicoli si comprende a pieno la sua essenza, ma queste sue stradine sono strette e lebirintiche perciò come primo approccio abbiamo scelto di organizzare un tour guidato a piedi, questo ci ha permesso di orientarci bene e capire dove andare e cosa vedere.

Come organizzare un tour guidato a piedi a Stone Town

Ci siamo affidati a Civitatis sito internet e leader mondiale per la prenotazione di attività in tutto il mondo, garanzia di sicurezza e professionalità.

tour zanzibar

Navigando sul loro sito abbiamo trovato il tour che era perfetto per noi, “ Stone Town & Prison Island Tour”, per esplorare due dei luoghi più importanti di Zanzibar in un’unica giornata.

tour

Cosa Vedere a Stone Town

La nostra guida parlante italiano è venuta e prenderci in Hotel e ci siamo subito immersi nei vicoli, ricchi di vita e di persone, iniziando dalla casa museo di Freddy Mercury, il famoso cantante infatti è nato proprio qui.

freddy mercury stone town

Stone Town è piccola e si gira bene a piedi, la nostra guida ci porta nei punti più famosi, come il  Forte Arabo oggi diventato un anfiteatro dove si svolgono concerti e festival, scopriamo anche le famose porte di Zanzibar, sontuose e finemente decorate con borchie ed intarsi, erano un tempo il biglietto da visita delle famiglie che abitavano negli edifici storici.

tour civitatis

Saliamo anche su uno degli edifici più alti e antichi, la Swahili House in cui è presente un bar dove possiamo rinfrescarci con una bibita fresca e con una vista a 360 gradi sulla città.

zanzibar

Proseguiamo verso la zona del Mercato di Darajani, tra merce esposta e tantissime persone indaffarate negli acquisti, qui si ammira la vita più autentica e meno turistica.

stone town

Camminando arriviamo al Museo degli Schiavi e la sua cattedrale Anglicana, questa è una delle visite più emozionanti.

zanzibar

Zanzibar è stata per anni un importante centro di smistamento e vendita degli schiavi africani, arrivavano qui e venivano messi nelle celle sotterranee visitabili ancora oggi, per poi essere venduti. A ricordo di questa pagina terribile di storia c’è un monumento che impersona gli schiavi incatenati. Il museo è interessante e ci fa riflettere molto sugli errori commessi dall’umanità in passato.

zanzibar

La nostra visita di Stone Town si sposta verso un’isola a pochi km dalla costa, in 20 minuti di barca arriviamo a Prison Island.

zanzibar

Quest’isola fu costruita per il commercio degli schiavi rivoltosi nel 1800, ma non fu mai utilizzata a questo scopo, successivamente diventò un centro di quarantena per i malati di febbre gialla.

Di recente è diventata una località turistica di proprietà del governo e dimora di alcuni esemplari di tartarughe giganti di Aldabra, specie in via di estinzione donate a Zanzibar dal governatore delle Seychelles.

zanzibar

Si può interagire rispettosamente con le tartarughe e dargli anche della lattuga che viene consegnata all’entrata.

Se volete potete anche passare del tempo in spiaggia facendo snorkelling, qui il mare è molto bello.

Questo tour ci è piaciuto molto, in mezza giornata abbiamo scoperto i punti più interessanti della città e la nostra guida è stata molto simpatica e gentile.

Lo consiglio a chi vuole avere un primo approccio con Stone Town e vuole orientarsi per i suoi vicoli.

Prenotare un tour con Civitatis è facilissimo , basta andare sul loro sito Internet e scegliere l’attività alla quale siamo interessati, il giorno , il numero di persone e attendere la conferma, si può pagare sia con carta di credito che con Paypal.

Condividi

Sull’Autore

Mi chiamo Consuelo sono una Travel reporter e appassionata viaggiatrice, co-founder della Cinetica Video Service società di produzione audiovisiva con la quale portiamo il pubblico in giro per il mondo virtualmente

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.